[googlemaps https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m18!1m12!1m3!1d2799.638651492865!2d10.989411914972928!3d45.4367850432943!2m3!1f0!2f0!3f0!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!3m3!1m2!1s0x477f5f443ff71301%3A0x6aa5413e56c17aa5!2sPiazza+Cittadella%2C+1%2C+37122+Verona+VR!5e0!3m2!1sit!2sit!4v1490864675366&w=600&h=450]
Home / commenti18 / BUFALA: il voto al PDF toglie voti a X e fa vincere Y.

BUFALA: il voto al PDF toglie voti a X e fa vincere Y.

BUFALA: il voto al PDF toglie voti a X e fa vincere Y.

Prendetevi 5 (cinque) minuti per leggere e fare chiarezza su un concetto importante.
Ipotizziamo che anche voi crediate in concetti oggi altamente eversivi tipo che i bambini siano maschi e le bambine femmine, e che sia quindi inaccettabile che sin dagli asili si insegni qualcosa di diverso, o che la pratica dell’utero in affitto per dare figli a chi -per motivi di età o altro- non può averne sia una moderna barbarie inaccettabile in un paese civile.

Ipotizziamo che quindi possiate guardare con una certa simpatia alla battaglia del Popolo della Famiglia, ma che vi freni l’idea che votare per un partito neonato sia una distrazione di voti in danno di schieramenti più consolidati che si dichiarano in qualche modo “compatibili” con le idee del PDF, salvo averle completamente disattese nell’ultima legislatura.
Ebbene, sappiate che questo è un FALSO PROBLEMA sollevato dagli accoliti della “vecchia politica” per tenersi la poltrona, ma che non ha alcun fondamento reale.

Basti guardare alla legge elettorale e agli schieramenti concretamente in campo.
Il voto che voi darete, con un unico tratto di matita, andrà conteggiato sia a favore del candidato del COLLEGIO UNINOMINALE della vostra zona di residenza, indicato in capo al riquadro dello schieramento al quale appartiene, sia a favore dei candidati della QUOTA PROPORZIONALE (collegio plurinominale) indicati -nel numero massimo di quattro- accanto ai simboli delle liste che li sostengono.

Ora, il Popolo della Famiglia si propone di superare la quota di sbarramento del 3% prevista dalla legge, e lo farà verosimilmente “rosicchiando” uno 0,5% al centro destra, uno 0,5% al centrosinistra, un 1,5% a chi ha votato alle scorse elezioni il M5S – e poi se n’è pentito – e poi ottenendo l’1,5% dal partito attualmente maggioritario in Italia, cioè quello degli astensionisti, così schifati dall’attuale politica che hanno rinunciato ad esprimere il loro voto.

Dunque, numeri alla mano, CIO’ NON ALTERA GLI ATTUALI EQUILIBRI. Nei collegi uninominali il centrodestra -per esempio – si porterà ugualmente al parlamento il proprio candidato, visto che il “posto” è uno solo e lo “piglia” chi ha più voti degli altri. E ciò anche se raggiunge “solo” il 35,5% delle preferenze anziché il 36%. Situazioni di testa a testa NON CE NE SONO.

Per quanto riguarda la quota PROPORZIONALE, nemmeno lì il Popolo della Famiglia, col suo 3%, porterà via candidati ai partiti maggiori. Di SEI seggi disponibili nel collegio plurinominale (anche se i candidati espressi dalle liste possono essere al massimo quattro), due andranno verosimilmente alla coalizione con maggiori preferenze (centroDX o centroSX a seconda della regione), uno o due alla coalizione seconda arrivata o al M5S (a seconda delle regioni) e uno o due seggi andranno ai partiti “minori”, tra i quali il Popolo della Famiglia.

E’ A QUELL’ULTIMO SEGGIO RESIDUO CHE NOI ASPIRIAMO. Per arrivare in parlamento e per essere DETERMINANTI, come dimostrano le maggioranze variabili che hanno sostenuto il governo ultimamente, dove gruppetti di 5-6 parlamentari “in fuga” dallo schieramento nel quale sono stati eletti hanno cambiato casacca, in barba agli elettori.

Se quell’ultimo seggio non sarà nostro, LO RIEMPIRA’ QUALCUN ALTRO. Chi? Andrà a qualcuno dei partitini non allineati: Liberi e Uguali della Boldrini, per esempio, o Partito Comunista. Porteranno avanti i vostri valori secondo voi? Si alleeranno col centrodestra? Io non credo.
Lasciare a loro quell’ultimo seggio sarà il vero regalo alla vecchia politica ultralaicista e del pensiero unico.

Se vi piacciono le idee ed i valori del Popolo della Famiglia, votate Popolo della Famiglia. Senza farvi problemi. Non farete vincere qualcun altro, vincerete voi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top