[googlemaps https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m18!1m12!1m3!1d2799.638651492865!2d10.989411914972928!3d45.4367850432943!2m3!1f0!2f0!3f0!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!3m3!1m2!1s0x477f5f443ff71301%3A0x6aa5413e56c17aa5!2sPiazza+Cittadella%2C+1%2C+37122+Verona+VR!5e0!3m2!1sit!2sit!4v1490864675366&w=600&h=450]
Home / amministrative 2017 / Il Popolo della Famiglia: a partire da Luglio 2017 Adigeo chiuderà nei giorni festivi.

Il Popolo della Famiglia: a partire da Luglio 2017 Adigeo chiuderà nei giorni festivi.

Il Popolo della Famiglia promette: a partire da Luglio 2017 Adigeo chiuderà nei giorni festivi. E con lui gli esercizi commerciali fuori dal centro storico. Riprendiamoci la domenica!

 

«La nostra promessa: da luglio 2017, se la nuova Giunta comunale sarà a guida Popolo della Famiglia, gli esercizi commerciali di Verona fuori dal centro storico saranno chiusi nelle domeniche e nei festivi» ha dichiarato con fermezza il candidato Sindaco del PDF Filippo Grigolini.

«L’apertura del nuovo, gigantesco, centro commerciale Adigeo a Verona Sud, sulla cui collocazione urbanistica permangono tutte le nostre critiche, se da un lato può essere colta come un’opportunità di nuovo lavoro, dall’altro rischia di allargare la cerchia dei nuovi schiavi che, per uno stipendio spesso da fame, sono costretti a rinunciare alla serenità familiare festiva e al tempo per le relazioni.»

«Ci auguriamo» ha proseguito Grigolini «che tra gli impegni di “ricerca della sostenibilità ecologica, sociale ed economica” enunciati dalla società proprietaria, vi sia anche il riconoscimento dell’importanza della famiglia e quindi di un tempo, quello della domenica e della festa, che deve essere unanimemente dedicato alle relazioni familiari e sociali, fonte di benessere delle persone, dei lavoratori e di tutta la società.»

«Sembra d’essere tornati ai tempi della rivoluzione industriale ottocentesca che ruppe la tradizione del riposo domenicale instaurata 1500 anni prima dall’imperatore Costantino, nel 321 d.C.. Ci vollero il beato Faa di Bruno e San Giovanni Bosco per tornare a dare valore alla famiglia.

Ed è sempre la famiglia a pagare il prezzo della forzata apertura domenicale perché, come sostenuto dai principali operatori della grande distribuzione, il primo effetto è l’aumento dei prezzi finali, senza vantaggi per i grandi centri commerciali».

«Ci piace pensare», ha aggiunto Guido Strepparava, responsabile delle politiche familiari del PDF, «che alle famiglie e ai cittadini si possano presentare proposte più interessanti che passare la domenica nei centri commerciali, e questo è il nostro impegno, a livello locale e nazionale. Riprendiamoci la domenica! Difendiamo il nostro tempo!».

Verona, 29 marzo 2017

Top